Servivano conferme ed invece fa un netto passo indietro la Rospetto Castellaneta, che perde malamente sul parquet di Mola. Buona prestazione per due quarti per i valentiniani, poi al ritorno dagli spogliatoi black- out totale in tutte le fasi di gioco che ha permesso ai padroni di casa di prendere il largo e trovare la prima vittoria stagionale. Numeri impietosi quelli della prestazione dei biancorossi, che hanno concesso 86 punti a quello che era il peggior attacco del campionato, e che hanno portato a casa solo 25 rimbalzi contro i 56 dei padroni di casa.

CRONACA - Dopo un avvio equilibrato, Mola si porta sul +5 (14-9) con la tripla di Preite alla metà. La risposta biancorossa arriva dalla lunga distanza con Angelini e Petraitis che riportano in parità il punteggio (17-17) al settimo. Negli ultimi minuti si segna poco, e la tripla di Fathallah e il lay up di Petraitis chiudono il primo periodo sul 20-19.

In avvio di secondo periodo, complice anche un black out offensivo dei padroni di casa, i biancorossi si portano sul +5 (20-25) al terzo minuto. È il solito Preite a risvegliare i suoi, poi la tripla di tabella di Tanzi scrive il 27-25 alla metà. Le triple di Angelini e Petraitis interrompono il momento favorevole dei padroni di casa, poi Guadiano e Carucci dall' angolo permettono ai biancorossi di allungare fino al +7, prima della schiacciata di Gachette che chiude i primi due quarti sul 35-40.

Al rientro dagli spogliatoi il massimo sforzo dei padroni di casa coincide con il momento peggiore dei biancorossi, e Mola è devastante dalla lunga distanza con Gachette e Preite: 52-46 dopo cinque minuti. I biancorossi escono completamente fuori dalla partita, e Mola ne approfitta per scappare sul +11 (62-51) trascinata da un caldissimo Gachette. Sulla sirena Cordici dall' angolo punisce una difesa ospite ancora troppo molle e distratta: 65-52 a fine terzo periodo.

Nei primi minuti i valentiniani danno l'impressione di poter rientrare in partita con le tripla di Gaudiano e Moliterni (67-60) al terzo minuto, ma sul più bello la squadra di Leale si ferma nuovamente e i risultati sono disastrosi. Mola continua ad essere a dir poco cinica nella metà campo offensiva, complice anche una difesa troppo disattenta dei biancorossi, e trascinati da un incontenibile Gachette i baresi chiudono il match addirittura sul +19: 86- 67 il punteggio finale.

MOLA NEW BASKET 86 - 67 ROSPETTO.COM CASTELLANETA 

MOLA: Cairns 12, Gachette 31, Stimolo 5, Tartaglia 2, Preite 13, Caradonna, Cordici 13, Fathallah 7, Susca, Tanzi 3. Coach Castellitto.

CASTELLANETA: Angelini 6, Clemente 6, Gaudiano 13, Ljoljic 4, Petraitis 25, Carucci 5, Moliterni 8, Cassano, Resta, Picaro ne. Coach Leale.

Parziali: 20-19 (20-19); 35-40 (15-21); 65-52 (30-12); 86-67 (21-15).

Arbitri: Di Vittorio (BA) e Procacci (BA).

Note: spettatori 300 circa con nutrita rappresentanza ospite.

Vito Girolamo 

Press and Comunication Office - Valentino Basket Castellaneta

Step by step.

Serviva vincere per sbloccarsi, cancellare lo 0 dalla casella dei punti e riconquistare la fiducia del pubblico del Palatifo. Ora arriva il secondo step: confermarsi, cercare la prima vittoria fuori dalle mura amiche e dimostrare che il match con Ceglie non è stato un "caso". 

L'avversario di turno però è quello dei più pericolosi da incontrare in questo momento: è il Mola di coach Castellito, dopo quattro giornate fermo ancora a quota 0 punti. Avversario pericoloso perchè sarà affamato ed arrabbiato, e perchè in questa C Gold non si potrebbe commettere errore più grave di guardare la classifica. L'abbiamo dimostrato noi domenica scorsa, e dobbiamo essere bravi a mettere in campo la stessa rabbia che ci ha permesso di ribaltare ogni pronostico a noi sfavorevole. 

Ma il Mola di coach Castellitto è un avversario pericoloso anche perchè, soprattutto, è una squadra lunga e di assoluto valore. Il migliore delle prime quattro giornate è stato, senza dubbio, l'ala piccola Preite (classe 94') con 14.2 punti di media a partita e già veterano della categoria dopo aver indossato le casacche di Trani, Ruvo e Monopoli. Occhio anche all' inglese Gachette, guardia prelevata in estate da Sheffield nella massima serie del campionato inglese e dotata di un mortifero tiro dalla lunga distanza. Il quintetto si completa con il riconfermato Cordici (19 pt di media nella passata stagione), e il gigante irlandese Cairns, centro da 210 cm per 100 kg. A dare profondità al roster barese troviamo Tartaglia (reduce da una stagione in C Gold piemontese)  ed i giovani Stimolo e Tanzi. 

Troveremo un avversario affamato di vittorie, ma bisognerà essere bravi ad avere più fame di loro, perchè ora bisogna risalire la china ed allontanarsi dalle zone più pericolose della classifica. Settimana di duro lavoro per il team di coach Leale, che giovedì ha effettuato una doppia seduta, per preparare al meglio il match. 

Palla a due domenica 4 novembre alle ore 18:00, la cornice sarà quella del PalaPinto di Mola. Gli arbitri del match Di Vittorio di Ruvo (BA) e Procacci di Corato (BA). 

Vito Girolamo

Press and Comunication Office - Valentino Basket Castellaneta

 

Seconda giornata del Girone D con i biancorossi di Coach Scarano che andranno a far visita alla Limongelli Pulsano.

Dopo la brillante gara di esordio con la vittoria per 82:71 ai danni dell’ Ostuni, questa sera si cercherà di dare continuità al lavoro svolto in palestra, roster al completo eccetto La Rocca che sara’ assente per motivi personali.

Pulsano vittorioso all’ esordio sul campo del Santa Rita e dunque con 2 punti in classifica come i valentiniani, palla a due ore 20:00 per un’ altra bellissima gara.

 

Limongelli Pulsano vs Rospetto U18

PalaSport Pulsano ore 20:00

 

Press and Comunication Office - Valentino Basket Castellaneta

Post fata resurgo!

La Rospetto Castellaneta risorge, e lo fa nella serata più importante, nella gara più sentita, contro i rivali di sempre del Ceglie, strapazzati al Palatifo in un match senza storia. Perchè non potevamo essere quelli delle prime tre giornate, perchè forse davvero era girato tutto storto, e perchè forse aveva ragione coach Leale a dire: "Fateci lavorare, abbiamo bisogno di Petraitis al 100%".

Ed è proprio dalla prestazione del lituano che bisogna partire per raccontare questa serata magica: 34 punti con il 66% dal campo (9/13 da due, 5/8 da tre). Il tutto coadiuvato dalla prestazione monstre di Clemente con un incredibile 100% dal campo (2/2 da due, 3/3 da tre), la mano caldissima dalla lunga distanza di Angelini, gli 11 rimbalzi di Ljoljic, le continue penetrazioni di Gaudiano nella martoriata difesa cegliese, e la grande prestazione difensiva di tutta la squadra che ha lottato su ogni centimetro e su ogni pallone. L'avevamo detto che è questo che fa la differenza in questo campionato, ed è questo che il pubblico del Palatifo vuole vedere.

CRONACA - L' avvio è subito da favola per i biancorossi, che con le triple di Petraitis e Angelini scrivono il +11 (17-6) dopo cinque minuti. Ceglie prova a reagire e ricucire lo strappo con Okmanas e Provvidenza, ma ancora una tripla di Moliterni riporta Castellaneta a distanza: 30-21 il punteggio di un grande primo quarto giocato ad altissimi livelli dai padroni di casa

Dopo l' interruzione forzata del gioco a causa della condensa sul parquet, il secondo periodo vede l'elastico tra il +13 e il +11 in favore dei valentiniani, con ancora uno strepitoso Petraitis. La tripla di Okmanas prova a rompere gli equilibri della seconda frazione, ma la risposta è immediata e viene ancora dalle mani di Petraitis, che stavolta colpisce da tre (49-36) al 9'. Gli ospiti nel finale rosicchiano qualche punto con Pace e Mirone, e alla pausa lunga si va sul punteggio di 49-42.

Al ritorno sul parquet i biancorossi sono indemoniati, e dopo le triple di Angelini e Petraitis, Gaudiano trova un 2+1 che dopo due minuti fissa il punteggio sull 58-42. Castellaneta continua a mette in mostra grande pallacanestro, e lo step back di Clemente da tre scrive il 66-47 alla metà esatta del quarto. Con la tripla di Gaudiano si scappa addirittura sul +24 (77-53), poi nel finale Pace e Cvetanovic chiudono il terzo periodo sul 79-59.

In avvio di quarto periodo i biancorosso toccano il +25 con il tiro dalla media di Moliterni (84-59) al terzo minuto. A metà quarto Ceglie si riporta a -18 (84-66) con il gioco da tre di Veccari, poi il flopping fischiato a Clemente costa al castellanetano l'uscita anticipata dal match. Ceglie prova il forcing finale, con la tripla di Lasorte (86-75), ma è tutto inutile. La tripla di Resta e la penetrazione di Okmanas quando sono tutti fermi chiudono le ostilità: 91-77 il punteggio finale.

Serviva vincere per cancellare quello 0 dalla casella punti, serviva vincere per dimostrare che in questa C Gold Castellaneta è viva, ed è capace di battere una di quelle squadra che si dice sia essere una delle corazzate favorite alla vittoria finale. Perchè forse quel "non vincete mai" cantato in gara-1 l'anno scorso i senatori di questa squadra non l'hanno mai dimenticato, e da quel momento abbiamo vinto solo noi. Ora bisogna essere bravi a far diventare questa vittoria benzina nelle gambe di questa squadra, che già da domenica prossima deve confermarsi contro un Mola ancora a secco.

ROSPETTO.COM CASTELLANETA 91 - 77 NUOVA PETROLMENGA CEGLIE

CASTELLANETA: Clemente 15, Ljoljic 10, Gaudiano 9, Petraitis 34, Angelini 16, Moliterni 4, Cassano, Resta 3, Carucci ne, Picaro ne. Coach Leale.

CEGLIE: Pace 10, Cvetanovic 16, Veccari 20, Okmanas 10, Lasorte 7, Provvidenza 4, Mirone 10, Palma ne, Leucci ne, Devita ne. Coach Djukic.

Parziali: 30-21 (30-21); 49-42 (19-21); 79-59 (30-17); 91-77 (12-18).

Arbitri: Balice (BA) e Mazzilli (BA).

Note: spettatori 600 circa con nutrita rappresentanza ospite.

Vito Girolamo

Press and Comunication Office - Valentino Basket Castellaneta

Gran bella gara quella dei ragazzi di coach Scarano che nella 1^ giornata del campionato Under 18 girone di qualificazione F batte l’ Ostuni per 82:71.

L’ avvio di gara è tutta biancorossa con Galli che si mette subito in luce (34 punti e miglior marcatore dell’ incontro) ma l’ Ostuni risponde a suon di bombe con Pietraroli e Zaccaria, Savino per i biancorossi risponde dall’ arco per chiudere il 1^ quarto in vantaggio 19:17.

Secondo periodo ancora di equilibrio con Galli che mette a segno 10 punti consecutivi ma è solo nel finale di quarto che la Rospetto U18 riesce a prendere il largo subendo una serie di falli, dalla lunetta non si sbaglia e si va in doppia cifra di vantaggio 42:31.

Terzo quarto di gara dove gli ospiti tentano di recuperare e la bomba di Zaccaria vale il meno 6 ospite ma ancora una volta viene rispedita al mittente da Savino, 62:53 dopo 30 minuti di gioco. 

Nel quarto periodo i biancorossi bravi ad amministrare possono festeggiare la prima vittoria in campionato sotto il proprio nutrito pubblico. 

 

Rospetto U18 - Ostuni 82:71.

 

Castellaneta: Galli 34, La Rocca 8, Liverano 10, Savino 16, Lenoci 1, Lonardelli, De Bellis 10, Cellamare, Lavarra, Terrusi 2, all. Scarano.

Ostuni: Sari, Carpiglia, Serrano 25, Apruzzi 4, Moro, Casale, Danese, Pietraroli 12, Zaccaria 19, Cavallo 6, D’Errico 5, all. Cafarella.

 

Press and Comunication Office - Valentino Basket Castellaneta

 

Un avvio di campionato tanto difficile quanto inaspettato. Soprattutto se negli occhi dei tifosi ci sono ancora le immagini della scorsa stagione. Ma la C Gold è questa, un campionato in cui bisogna giocare con la massima attenzione per quaranta minuti, senza tralasciare alcun centimetro o dettaglio, altrimenti la vittoria resta un' irraggiungibile chimera. E' ciò che avvenuto in queste prime tre giornate, una squadra che al primo momento di difficoltà ha mollato, non sfiorando neanche la vittoria.

Ma ora bisogna rialzarsi, insieme, remando tutti nella stessa direzione perché è così che si superano i momenti di difficoltà. Squadra, dirigenza e tifosi tutti uniti verso l'obiettivo. Già da domenica, perché domenica non è una partita come le altre: arriva il Ceglie.

Per la quarta giornata del campionato di C Gold il Palatifo sarà teatro di una delle classiche del basket pugliese: Castellaneta- Ceglie. Due città con alle spalle un' enorme tradizione di pallacanestro, due squadre con due delle tifoserie più calde della Puglia, divise da una rivalità sportiva che ormai da anni infiamma il match. Rivalità inasprita dai play-off della scorsa stagione, in cui la sorpresa Castellaneta eliminava la corazzata Ceglie, che aveva dominato per tre quarti la regular season.

E anche quest' anno i biancorossi arrivano al match da sfavoriti, contro un roster costruito per tentare il salto di categoria. Confermata in panchina la vecchia volpe Djukic, la dirigenza ha optato per una rivoluzione totale nel roster. Dalla seconda serie rumena, è arrivata l'ala forte serba Cvetanovic, vero e proprio crack per la categoria, già con 24.7 punti di media a partita. Reparto lunghi da fare invidia, completato da Pace (ex Vasto), Mirone (ex Monopoli) e il classe '98 Provvidenza (ex Perugia). Le chiavi della regia sono state affidati al play lituano Okmanas, e al figliol prodigo Lasorte, tornato a Ceglie dopo le parentesi a Martina e Lecce. Il reparto esterni, infine, è completato da Pezzarossa, Leucci e Veccari. Insomma un roster completo e con varie soluzioni per coach Djukic, che non si è nascosto dichiarando che l'obiettivo è la vittoria del campionato.

E' vero, questa volta siamo più che sfavoriti, ma sono queste le partite che possono dare una svolta ai campionati. Una svolta soprattutto mentale, quella che serve a questa squadra, che fino ad ora non è riuscita a mostrarsi per quelli che sono i suoi veri valori.

Palla a due domenica 28 ottobre alle ore 18:15. La cornice sarà quella della solita bolgia del Palatifo, che dovrà spingere i suoi all'impresa, questa volte più che mai. Gli arbitri del match Balice di Molfetta (BA) e Mazzilli di Corato (BA).

Vito Girolamo

Press and Comunication Office - Valentino Basket Castellaneta

Derby a senso unico quello andato di scena al Palafiom per la terza giornata di serie C Gold. Il Cus Jonico Taranto scappa via già nel primo periodo, e i biancorossi sono costretti ad inseguire tutto il match, arrivando massimo fino al -5, senza quindi mai impensierire seriamente i padroni di casa . Valentiniani ancora rimandati, dopo un' altra prestazione negativa che costa la terza sconfitta in altrettante gare, per una classifica già bruttissima.

CRONACA - Ancora un avvio a ritmi bassi dei valentiniani, con Taranto che già dopo tre minuti si porta sul +10 (14-4) grazie ad un sontuoso Simaitis. I biancorossi provano a scuotersi con Angelini e Petraitis, ma Taranto va sul +12 (20-8) entrando ancora troppo facilmente nell' area biancorossa. Provano ancora ad avvicinarsi gli ospiti, ma  la tripla di Giovara permette a Taranto di scappare via in un primo periodo che si chiude sul 26-12.

Castellaneta prova a riavvicinarsi trascinata da Petraitis, trovando il -9 (28-19) dopo due minuti. È ancora la guardia lituana a trascinare gli ospiti, poi Carucci trova il tap-in che scrive il -8 (38-30) al sesto. Continua silenziosa la rimonta, con Resta che dall' angolo trova la tripla del 40-35, illudendo i tifosi biancorossi giunti in massa al Palafiom. I tarantini piazzano un break di 7-0 ma un' altra tripla del capitano chiude i primi due quarti sul 46-38, con Castelleneta ancora in vita.

Al ritorno dagli spogliatoi dopo cinque minuti ospiti ancora a secco, e il break dei padroni di casa li porta sul +16 (54-38), in una avvio di terzo periodo da far sanguinare gli occhi agli amanti della bella pallacanestro. Il canestro per i biancorossi diventa una vera e propria visione onirica, e Taranto scappa via chiudendo il terzo periodo avanti di 18 con Baraschi: 64-46 il punteggio al '30.

Dunque il quarto periodo è ormai una formalità, con gli ospiti che ormai hanno gettato la spugna, come nelle ultime due gare del resto. Menzione particolare da fare per Carucci, l' unico a sbattersi fino alla fine, meritando gli unici applausi della serata. Nel finale sono Gaudiano e proprio il classe '99 valentiniano a rosicchiare qualche punto, e rendere quindi meno amaro il parziale: 84-70 il punteggio finale segnato dal tabellone.

Un avvio di campionato da horror quello del team di coach Leale, ancora insufficiente in ogni fase di gioco. Bisogna cambiare, e alla svelta, perchè ogni gara ora inizierà a pesare sempre di più, e il margine di errore sarà sempre più stretto. A partire già da domenica, con i biancorossi che ospiteranno la NP Ceglie, in una classica che vedrà i brindisini desiderosi di rivalsa dopo i play-off della passata stagione. 

CUS JONICO TARANTO 84-70 ROSPETTO.COM CASTELLANETA 

TARANTO: Martignago, Tabbi 10, Bitetti, Simaitis 27, Dusels 23, Giovara 10, Pannella, 1 Massagli, Baraschi 8, Mastropasqua 5. Coach Caricasole.

CASTELLANETA: Moliterni 5, Clemente 2, Ljoljic 4, Resta 6, Angelini 4, Picaro, Gaudiano 12, Cassano 6, Petraitis 22, Carucci 9 . Coach Leale.

Parziali: 26-12 (26-12); 46-38 (20-26); 64-46 (18-8); 84-70 (20-24).

Arbitri: Ranieri (BA) e Lequile (LE).

Usciti per falli: Tabbi, Bitetti, Giovara (T), Cassano (C). Doppio antisportivo a Cassano (C), tecnico a Dusels (T).

Note: spettatori 600 circa con nutrita rappresentanza ospite.

Vito Girolamo

Press and Comunication Office - Valentino Basket Castellaneta

Scocca l' ora del derby jonico in serie C Gold.

Per la terza giornata le uniche due squadre tarantine del massimo campionato regionale si affronteranno arrivando al match con sentimenti praticamente opposti: da una parte l'avvio disastroso  dei biancorossi di coach Leale, in cerca di rilancio. Dall'altra parte il Cus Jonico Taranto di coach Caricasole, in cerca di conferme dopo la  bella vittoria a Ruvo, che è costata la panchina a coach Corvino. 

Dopo il ripescaggio in C Gold, a causa della rinuncia dell' Udas Cerignola, i tarantini hanno allestito un roster di ottimo livello. In cabina di regia da Ostuni è arrivato il play Baraschi, giocatore veloce con buona visione di gioco e che non disdegna il tiro da tre. Nel ruolo di guardia, troviamo la punta di diamante del roster tarantino, il lituano Simaitis prelevato da Castelonovo (C Gold) dove ha messo a segno 16.6 punti di media ad allacciata di scarpe, poi Gianluca Pannella reduce da una stagione all' OSA Milano (C Silver), infine il confermato Matteo Giovara (classe '96). Sotto le plance l'altro colpaccio messo a segno in estate, ovvero il centro lettone Artur Dusels, ammirato l'anno scorso con la casacca della NP Ceglie, e che dunque non ha bisogno di presentazioni. A completare il reparto lunghi, sempre dalla città messapica, è arrivato Luca Martignago (207 cm), mentre dal Green Bk Palermo (C Silver) è arrivato il centro Alessandro Tabbi. Roster completato, infine, dai giovani Mastropasqua, Bitetti e Massagli. 

Per i biancorossi settimana travagliata, con la conferenza stampa del presidente Granito, nella quale si è assunto tutte le responsabilità dell'avvio difficile dei valentiniani. Valentiniani che hanno visto il rientro a pieno regime di Petraitis, qualche defezione invece per Ljoljic, alle prese con una leggera contusione al ginocchio, che non dovrebbe però tenerlo lontano dal parquet nel derby. E' arrivato il momento di dare una spinta decisiva a questo campionato, e non può esserci occasione migliore di un derby.

Si giocherà sabato 20 ottobre alle ore 18:00, al Palafiom in via Golfo di Taranto. Gli arbitri del match saranno Ranieri di Mola di Bari (BA) e De Carlo di Lequile (LE). 

Vito Girolamo

Press and Comunication Office - Valentino Basket Castellaneta

Altro giro altro disfatta per la Rospetto Castellaneta, che ad Ostuni soccombe in maniera netta e senz' alibi.

Sufficiente solo la prestazione del primo quarto, poi gli uomini di coach Leale hanno inspiegabilmente staccato la spina. Nel terzo periodo è arrivato il pesantissimo parziale che ha affossato definitivamente i biancorossi, apparsi incapaci di reagire alla veemenza dei padroni di casa, che ad onor del vero non hanno neanche giocato un match irresistibile, ma ciò è bastato per infliggere un passivo davvero troppo pesante. 

CRONACA - Dopo cinque minuti Ostuni è già avanti di 8 (14-6) con la tripla di Teofilo, poi Moliterni prova a suonare la sveglia con due triple consecutive. Ljoljic dalla media trova il -2 (16-14) al settimo, ed è ancora il croato a scrivere il pari (18-18) ad un minuto dalla fine del primo periodo che si chiude con i biancorossi avanti: 19-20 il punteggio.

Dopo quattro minuti di black out ospite, con Ostuni che si riporta avanti trascinata da Fiusco, la tripla di Clemente sembra riportare l'inerzia a favore degli ospiti, con Cassano che trova il canestro che ristabilisce la parità (25-25) alla metà esatta. Altro black-out ospite, altro parziale di Ostuni che con Manchisi e Teofilo riesce a chiudere avanti addirittura di 8 punti, nonostante non si veda in campo una pallacanestro "spumeggiante": 35-27 il punteggio all' intervallo. 

Dagli spogliatoi escono solo i padroni di casa che aumentano i giri e si ritrovano già sul +13 (45-32) dopo solo tre minuti. Da qui Castellaneta smette di giocare a pallacanestro, e Ostuni ne approfitta per aumentare il divario che alla fine sarà davvero pesante per i biancorossi: 92-64 il punteggio finale. 

Serve un cambio di rotta, soprattutto nella mentalità, perchè nei momenti di difficoltà bisogna essere squadra. Momenti di difficoltà che in un campionato come questo arriveranno inevitabilmente spesso, ma non si può e non si deve staccare la spina così. Bisogna ancora una volta resettare tutto, rialzarsi tutti insieme e reindirizzare sulla strada giusta questa stagione. Già da sabato prossimo, nel derby tutto jonico contro il Cus Taranto. 

CESTISTICA OSTUNI 92 - 64 ROSPETTO.COM CASTELLANETA (19-20; 16-7; 31-24; 26-23)

OSTUNI: Latella 23, Manchisi 8, Caloia 17, Kadzevicius 9, Teofilo 8, Leggio 2, Fiusco 20, Bruno 5, Semerano, Petraroli. Coach Romano.

CASTELLANETA: Angelini 10, Cassano 6, Gaudiano 5, Ljoljic 8, Moliterni 12, Picaro, Carucci 6, Clemente 3, Petraitis 9, Resta 5. Coach Leale.

Progressivi: 19-20; 35-27; 66-41; 92-64.

Arbitri: Procacci (BA) e Stanzione (BA).

Usciti per falli: nessuno. Tecnico panchina (VBC).

Note: spettatori 400 circa con nutrita rappresentanza ospite.

Vito Girolamo

Press and Comunication Office - Valentino Basket Castellaneta

Dopo un esordio tanto complicato, quanto inaspettato, è tempo di guardare avanti per la Rospetto Castellaneta. 

La prima occasione di riscatto arriva dal PalaGentile, contro i padroni di casa della Cestistica Ostuni, in un match che si preannuncia tutt' altro che agevole. I gialloblu di coach Coco Romano sono difatti una delle formazioni candidate a navigare nelle zone alte della classifica. L' hanno dimostrato nel derby contro Ceglie, in cui hanno venduto cara la pelle e nonostante l'infortunio del centro Leo dopo solo sei minuti, è stato necessario un over time per consegnare la vittoria ai messapici. 

Dopo la deludente passata stagione, vera e propria rivoluzione nel roster della città bianca. Conferma in panchina per coach Coco Romano, mentre in campo solo Tanzarella e Caloia hanno rinnovato la fiducia della dirigenza. Le chiavi della regia sono state affidate al lituano Kadzevicius (classe '91), play versatile dotato di un buon tiro dalla distanza. Pacchetto stranieri completato dal pivot Vallejo (classe '95), assente nelle prima uscita stagionale. Un reparto lunghi che può vantare varie soluzioni, avendo a disposizione anche l'intramontabile Lillo Leo, che però ha rimediato un infortunio nel derby e dunque in dubbio per domenica prossima. Nella prima giornata l' apporto più importante è arrivato però dalle guardie Manchisi e Fiusco, autori rispettivamente di 25 e 19 punti, dimostratosi spietati se fatti entrare in ritmo. In settimana, infine, è stato ufficalizzato il ritorno del veterano Teofilo (ala forte da 202 cm). 

Per i biancorossi, è tempo di mandare segnali positivi alla piazza, dopo la disfatta di domenica. Si torna in quel PalaGentile, dove l'anno scorso fu apoteosi dopo la vittoria dei play-offs, per un match che si preannuncia piacevole sia sul parquet che sugli spalti, visti i buoni rapporti tra due delle tifoserie più calde della categoria. 

Palla a due prevista domenica per le ore 18:00, al PalaGentile gli arbitri del match saranno Procacci di Corato (BA) e Stanzione di Molfetta (BA). 

Vito Girolamo

Press and Comunication Office - Valentino Basket Castellaneta

Shinystat

Valentino Basket Castellaneta © 2014 - 2016 All rights reserved | Made with ♥ by DIELLE